Abruzzo

L'Abruzzo è una regione situata nell'Italia centrale, compresa tra il Mare Adriatico e l'Appennino Abruzzese; ma come vuole la "tradizione", è considerata una regione dell' IItalia meridionale.
Essa occupa una superficie di 10.763 Kmq.; gli abitanti sono 1.339.317; i comuni sono 305 ed il presidente della regione è Giovanni Chiodi.
Il capolugo di regione è L'Aquila e le provincie sono:
CHIETI, PESCARA, TERAMO.
Il territorio dell'Abruzzo è principalmente montuoso, per una buona parte collinare e per una minima parte pianeggiante.
Nella regione è situato l'Appennino abruzzese le cui catene mantuose minori sono parallele tra loro.
Ci sono numerose alte montagne; tra queste ricordiamo: IL GRAN SASSO D'ITALIA (2.914 m.) - IL MASSICCIO DELLA MAIELLA (2.793 m.) - IL MONTE VELINO
(2.487 m.) - IL MONTE GORZANO (2.455 m.) - IL MONTE SIRENTE (2.349 m.) - IL MONTE GRECO (2.285 m.) - IL MONTE PETROSO (2.247 m.) - IL MONTE VIGLIO
(2.156 m.) - IL MONTE COTENTO (2.015 m.)
La parte orientale della regione è carraterizzata dalla presenza di un'interrotta e lunga fascia collinare di notevole interesse paesaggistico.
Le colline abruzzesi sono poco conosciute, ma sono state molto sfrutatte dall'uomo che le ha "modificate" secondo le proprie esigenze.
La zona collinare infatti è occupata da vaste zone agricole; la pianura prende solo l'uno per cento del territorio che in questo caso si estende nella parte costiera della regione.
Le coste dell'Abruzzo sono molto varie, il litorale nella zona di Teramo, da Martinsicuro a Silvi Marina ha larghe spiegge sabbiose che attirano molto turismo che può usufruire di strutture alberghiere di altissima qualità.
A Sud il paesaggio cambia del tutto, da Ortona a Vasto la costa è piuttosto selvaggia, alta e ripida e le spiagge sono circondate da una fitta macchia mediterranea.
Il clima è fortemente condizionato dalla presenza del massiccio montuoso dell'Appennino Centrale che divide nettamente le zone climatiche della fascia costiera e delle colline sub-appenniniche da quelle delle fasce monate interne; mentre le zone costire presentano un clima meditaerraneo con estati calde e secche ed inverni miti e piovosi; la fascia collinare presenta caratteristiche climatiche di diversi tipi che decrescono progressivamente con l'altitudine e precipitazioni.
Nell'nverno in tali zone, nonostante la presenza mitigatrice del mare, sono possibili anche se rare ondate di freddo e neve provenienti dai Balcani.
Addentrandosi verso l'interno il clima si fa via, via più continentale fino a diventare quello tipico di montagna sui più importanti rilievi.
La provincia che presenta maggiormente questo clima è la provincia dell'Aquila seguita da quella di Teramo e Chieti.
Anche le piogge risentono molto della presenza degli Appennini della regione; sono più abbondanti sui versanti esposti ad occidente e sono più scarse sul versante esposto ad oriente.
In questa regione per quanto riguarda l'economia possiamo dire che l'allevamento ovino è quasi scomparso perchè i pastori sono poco disponibili a vivere vicino all dee greggi e anche perchè la lana che proviene dall'estero è di migliore qualità.
Anche l'allevamento bovino è diminuito. Le conche montane dell'Aquila, del Fucino e di Sulmona sono le zone più fertili dove si coltiva:
LA VITE, L'ULIVO, FRUTTA E BARBABIETOLE DA ZUCCHERO; in altre zone della regione si coltivano patate, zafferano e liquirizia . Nelle zone vicino alle coste, dove il clima è mite e c'è più disponibilità di acqua si coltivano prodotti da orto. La pesca non è molto sviluppata anche se questa regione si affaccia sul mare.
Per quanto riguarda l' industria possiamo dire che la produzione di beni di consumo come l' abbigliamento , la pelletteria, l' arredamentoe le calzature è aumentato sempre di più fino ad esportare anche all' estero. La grande industria invece non si è molto sviluppata se non negli stabilimenti Italtel a L'Aquila e FIAT a Sulmona e a Vasto, e non è riuscita a sviluppare le piccole e medie industrie che di solito forniscono quelle più grandi . Un altro squilibrio che si può notare è quello delle vie di comunicazione , queste sono più sviluppate lungo la costa e le zone dell' interno sono più difficilmente raggiungibili e poco servite dalle vie di comunicazione.
Si stanno sviluppando invece i settori dell' informatica , delle telecomunicazioni e del turismo. Specialmente qest' ultimo grazie alle spiagge, agli ottimi alberghi è in forte crescita. Anche il parco nazionale d' Abruzzo attirando molti turisti contribuisce allo sviluppo economico e al miglioramento e alla conservazione dell' ambiente naturale.

Fatto da Anna Paola M. , Mattia S. e Vittoria C.